giovedì 27 novembre 2014

Gli errori più comuni nel Pauper parte 2

Ciao! Eccoci qua con il proseguo del post precedente che potete trovare QUA

Electrickery Illus. Greg Staples

6- SOPRAVVALUTARE L'IMPATTO DELLA SIDE
Capita molto spesso contro mazzi combo o comunque mazzi molto delineati come ad esempio Affinity. Anzitutto il Pauper non sempre ci dà carte risolutive contro specifici tipi di mazzo, abbiamo a disposizione rimozioni di massa per gli incantesimi ma non per gli artefatti e le creature, e non sempre sarà sufficente aggiungere un paio di rimozioni in più per capovolgere un matchup sfavorevole.
L'unico modo per rimediare è essere onesti con se stessi, testare molto, ammettere le difficoltà del proprio mazzo in determinati matchup ed eventualmente poi valutare l'impatto della side rispetto al maindeck. Se il mazzo con cui siamo sfavoriti è davvero minoritario nel Metagame stimato, possiamo tranquillamente accettare di avere un matchup sfavorevole, non possiamo vincere contro tutti, ma solo giocare il mazzo che massimizzi le nostre possibilità.

Expedition Map Illus. Franz Vohwinkel
7- UN  PIANO PER LA SIDE
Il Pauper è un formato molto particolare con moltissimi mazzi competitivi, per cui dovrete essere preparati ad affrontare ogni evenienza sia prevista che non. Nei miei Primer non ho aggiunto volontariamente come usare la Side in ogni Matchup perchè ogni mazzo presenta infinite varianti, non essendo il formato ancora ottimizzato, per cui, una volta imparate le linee guida, stà alla flessibilità e all'intuizione di ogni giocatore capire come usare al meglio la Side secondo il proprio gusto e stile di gioco. E'altrettanto inutile mettere 12 carte per un Matchup sfavorevole quando non abbiamo 12 carte da togliere dal maindeck senza alterare sensibilmente la nostra meccanica di base.


8- FOCALIZZARSI SOLO SU UN ARCHETIPO
Va benissimo trovare il mazzo preferito e giocare con quello, ma imparate a familiarizzare anche con gli archetipi più lontani dal vostro stile di gioco, questo vi aiuterà a  prendere decisioni migliori quando vi troverete ad affrontarlo e saprete meglio cosa aspettarvi, come insegnava Roberto Sedinho quando faceva giocare Holly in porta per fargli capire il punto di vista del portiere.

Last Word Illus: Scott M.Fischer
9- SIATE FLESSIBILI E RISPETTATE L'AVVERSARIO
Per quanto avrete testato vi troverete sempre ad affrontare minacce inattese in un torneo, specialmente in un formato vario come il Pauper, per cui, quando il vostro avversario gioca una carta inaspettata, invece di pensare "Ah, ma come fa a giocare carta x", pensate a come contrastare al meglio ogni minaccia e siate pronti a modificare il vostro piano di gioco di conseguenza.

10-MULLIGATE, MULLIGATE, MULLIGATE
Questo è il fattore numero 1 che distingue un giocatore medio da uno forte: la paura di Mulligare. In Pauper ci sono molti mazzi capaci di chiudere velocemente, se la vostra mano è lenta, siate onesti e mulligate, se poi pescate 0 terre, amen, avreste perso lo stesso per cui non crocifiggetevi e andate avanti sapendo di aver fatto la cosa giusta.
A breve farò degli articoli sulla statistica per cercare di capire quando è meglio Mulligare e quando no.
Ovviamente più è sfavorevole il vostro Matchup più dovete essere propensi a Mulligare mani marginali alzando la varianza.
Qualche anno fa in Top 8 a un PTQ, giocavo con Affinity e ho pescato una  mano con un Mox di Cromo senza terre on the play, senza pensarci 2 volte ho mulligato sapendo che la mia mano era già un Mulligan in quanto dovevo sacrificare una carta per avere mana, nella mia mano successiva 0 terre per cui ho Mulligato a 5 e sono stato facilmente asfaltato dal mio avversario.
Mi è stato detto da diversi ragazzi del pubblico che avrei dovuto tenere la prima mano, che io sapevo essere un Mulligan facile, sono stato semplicemente sfortunato nal Mulligan, queste cose sono all'ordine del giorno nel Magic: siate sicuri delle vostre scelte se vi sono delle solide motivazioni e non preoccupatevi dei risultati immediati!

Alla prossima ragazzi!

Nessun commento:

Posta un commento